Vecchie conoscenze: recensione libro Antonio Manzini

0
Vecchie conoscenze: recensione libro Antonio Manzini
8

9,99€

La miglior offerta su: amazon.itAmazon.it
Vecchie conoscenze: recensione libro Antonio Manzini
Vecchie conoscenze: recensione libro Antonio Manzini
9,99€
Stupenda architettura narrativa
Storia densa e scorrevole
SalvaSalvatoRimosso 0
libro vecchie conoscenze

Antonio Manzini sta a Rocco Schiavone come Andrea Camilleri sta a Salvo Montalbano. Vecchie conoscenze è il decimo racconto della serie dedicata al vicequestore di Aosta. Uscito il 10 giugno 2021 in una sola settimana svetta in testa a tutte le classifiche come se avesse una marcia in più.

Quello con l’autore romano è ormai uno degli appuntamenti editoriali più attesi dell’anno. Infatti è dal 2013 che si rinnova questo piccolo rito. La verità sta nei numeri, cioè oltre 2 milioni di copie vendute, solo in Italia, per 9 romanzi. A contribuire al grande successo è pure l’omonima serie TV.

Sul piccolo schermo il protagonista ha il volto dell’attore Marco Giallini. La fiction al momento è alla quarta stagione. Si tratta in pratica di un classico al pari della più longeva sul commissario di Vigata, interpretata da Luca Zingaretti. Trovi il libro in formato kindle e con copertina flessibile.

1

Trama del libro Vecchie conoscenze di Antonio Manzini

Sofia Martinet è morta, uccisa nella sua casa con un colpo alla testa. Professoressa in pensione, la donna era una storica dell’arte stimata a livello internazionale. I suoi recenti studi su Leonardo Da Vinci sono oggetto di grande attenzione, ma pure di critiche negli ambienti colti di tutto il mondo.

A seguire le indagini è il vicequestore Rocco Schiavone. Il delitto lo disturba proprio nel mezzo di un “intenso periodo di inerzia esistenziale”. Da troppo tempo si sente come sospeso ed è inoltre di umore più volubile del solito. Sulla scena del crimine ci sono parecchi indizi, anzi, pure troppi.

La lista delle tracce comprende un capello biondo, l’impronta di una scarpa e dei residui di tweed. Per finire all’anziana docente manca la fede, strappata via con forza. La pista porta alle vecchie conoscenze della vittima. Tra i sospetti ci sono l’ex marito e pure il figlio scansafatiche cronico.

C’è però un testimone. Si tratta del figlio della vicina, Dario, ragazzo non vedente e con deficit cognitivo. Lui forse conosce l’assassino. Sembra un caso facile, ma le cose semplici non vanno bene per Rocco. Dal passato infatti ritorna Sebastiano, l’amico di sempre, e il “problema” di sempre.

In una camera d’albergo spunta il cadavere di Enzo Baiocchi, presunto assassino della moglie di Seba. Troppe coincidenze, e come se non bastasse emergono pure fatti legati alla morte di Marina, la moglie di Schiavone. La verità arriverà inattesa e insostenibile, tra indagini e vita privata.

2

Un decimo libro che sa di ultimo

È dal 2013, con l’esordio di “Pista nera”, che Manzini riapre puntualmente una finestra sulla vita di Rocco Schiavone. Si tratta di un personaggio particolare perché funziona al di là del suo ruolo nel racconto. È in pratica un po’ come l’Iron Man cinematografico della Marvel. Robert Downy Jr è così credibile nei panni dell’ironico e geniale Tony Stark, che quasi non serve che metta l’armatura.

Lo stesso vale con questo poliziotto della capitale esiliato in Valle d’Aosta per motivi disciplinari. La parte delle indagini è di certo fondamentale. Tuttavia ciò che avvince è pure la sua storia privata. Quello che accade all’uomo, oltre che all’investigatore, conta forse di più che l’aspetto “crime”.

Questo decimo libro ha un sapore conclusivo, in sostanza sembra l’ultimo della serie. L’autore qui chiude parecchie questioni sospese da tempo. Però non c’è nulla di ufficiale. Nel frattempo i fan si gustano un piatto cucinato a puntino, dopo un anno di digiuno letterario.

3

L’opinione dei lettori

trama libro vecchie conoscenze

Due semplici parole come “vecchie conoscenze” sono in realtà un’espressione molto evocativa. Con esse infatti si descrive qualcuno, sia in senso positivo che negativo. In pratica si parla di uno o più individui noti, che di solito sono piuttosto coerenti con quello che ci si aspetta da loro.

Nel caso dell’ultimo libro di Antonio Manzini, il titolo non è altro che una magnifica conferma della fedeltà rinnovata con i lettori. Spesso le saghe così lunghe mostrano i segni del tempo e rivelano dei cali di ispirazione. Invece il ciclo di Rocco Schiavone resta ancora fresco e mai banale.

Proprio queste qualità i seguaci della serie ritrovano nel romanzo. Piace il modo in cui la trama poliziesca e quella personale si intrecciano alla perfezione. Stupisce pure il cambio di prospettiva efficace delle due vicende che a turno sono in primo piano o fanno da sfondo.

Le uniche critiche sono forse ad alcuni nuovi personaggi di contorno, meno credibili e genuini delle solite….vecchie conoscenze appunto. Però si tratta davvero di dettagli sorvolabili. Del resto i colpi di scena, l’azione, le emozioni e il finale a effetto si fanno davvero perdonare questo e altro.

4

Vecchie conoscenze è il più bello della serie?

Accennavamo al fatto che alcuni personaggi, secondo qualche lettore, sono parecchio fuori contesto. Però le critiche colpiscono pure uno dei punti di forza del romanzo. Svelare nuovi particolari del passato e complicare la trama, è solo un espediente di distrazione. In sostanza è un fiacco tentativo di animare una storia ormai stanca. Il risultato è l’effetto tipo soap brasiliana.

Fuori da questo coro, in verità piccolo come quello dell’Antoniano, c’è la maggioranza dei seguaci. Per questi ultimi Manzini è sempre una garanzia. È incredibile la sua capacità di generare nel lettore un senso di urgenza verso l’epilogo. La sua scrittura è intrigante, potente ed elegante.

I personaggi sono profondi, tridimensionali e vicini alla realtà. Nella trama Vecchie conoscenze è privo di sbavature o parole di troppo. Il prodotto è una storia misurata, coerente e persuasiva. C’è poco da dire e da fare, l’alchimia si ripete e all’ultima pagina gli occhi e il cuore sono appagati.

Conoscevi già questo scrittore e il suo personaggio? Beh se sei arrivato fino a qui, come minimo sei curioso. Quindi ciancio alle bande….cioè bando alle ciance…buona lettura e visto che anche noi siamo vecchie conoscenze….lasciaci un commento.

Sample title
8 Punteggio totale
Incalzante

Antonio Manzini torna sugli scaffali delle librerie e sui bookstore online con il suo personaggio più amato. Vecchie conoscenze è l’ennesima avventura del vice questione con un senso della legge tutto suo. Spigoloso, ironico, malinconico e dissacrante, conquista ancora con la sua autenticità.

Vantaggi
  • Stupenda architettura narrativa
  • Storia densa e scorrevole
Svantaggi
  • Qualche personaggio risulta troppo caricato e poco credibile
  • Movimentare la trama complicando il privato del protagonista non sempre funziona
Recensisci

Lascia un tuo commento personale, ogni tuo suggerimento è ben accetto!

Lascia un commento

Peekincity Deals
Logo
Registra un nuovo account
Reset password
Condividi con un amico