Le bambine non esistono: trama e recensione

0
le bambine non esistono
9
Emozionante
Stile di scrittura unico
Il lettore si immerge nel contesto e nella denuncia sociale
SaveSavedRemoved 0

Le bambine non esistono è uno dei libri più letti del momento. E non sorprende vista la particolarità del tema discusso.
Le vicende narrate si svolgono – infatti – in Afghanistan; qui dove nelle famiglie in cui mancano i maschi, le femmine vengono trattate come tali.
Proprio in questo contesto viene ambientata la storia. Storia intensa ed toccante che affronta tantissime tematiche reali, molte delle quali estremamente attuali. Ad esempio la condizione della donna in alcuni paesi non occidentali. Così come la lotta per i diritti o la disparità di genere.

In Le bambine non esistono si legge, però, anche tanto altro. Emozioni, sentimenti, fatti realmente accaduti e culture all’apparenza lontane che – in verità – risultano essere molto più vicine a noi di quanto non si pensi.
Ti consigliamo di leggere almeno la recensione per saperne di più.
Spieghiamo anche come e dove conviene acquistarlo!

Di cosa parla il libro Le bambine non esistono?

le bambine non esistono

Il libro Le bambine non esistono racconta la storia di Ukmina, una giovane donna afghana che è cresciuta in un piccolo villaggio disperso sulla mappa geografica. Un paese dove le bambine sono considerate solo un peso e la loro nascita vista come una sventura.
Ecco perché molte famiglie decidono di far passare le loro figlie per ragazzi. Per riuscirci non esitano a vestirle con abiti maschili concedendo loro la stessa libertà di muoversi e di parlare data a un uomo.

Anche Ukmina è stata trasformata in un bambino vestito da maschio. Il travestimento le ha permesso di godere di una libertà che, altrimenti, non avrebbe mai avuto. Ma le cose cambiano in fretta. Da adulta, quando i genitori le impongono di tornare ad essere donna, decide di non sposarsi (di mettere il velo e fare figli) opponendosi al sistema. La sua volontà è opporsi fermamente agli obblighi imposti dalla società afghana.

Ukmina ha compreso che essere donna in Afghanistan vuol dire essere in prigione. In pratica, una persona priva di diritti. Ma non si lascia abbattere. Dà tutta se stessa e lotta con tenacia per mantenere la sua libertà. Anche se non ci sono alternative che continuare a fingersi uomo.

A rendere ancora più interessante la lettura è il fatto che si tratti di un libro autobiografico. L’autrice racconta la sua vita. E non soltanto. Perché quella di Ukmina – purtroppo – è anche la storia di tante altre donne afghane.
Nel libro vengono denunciate le ingiustizie e le violenze che ancora oggi, nel terzo millennio, si commettono nei loro confronti.
Le bambine non esistono è un testo che fa riflettere. In particolare sulla necessità di lottare per la causa femminile. Così come sulla forza che ogni donna è capace di trovare in se stessa per superare le imposizioni della società.

Qualche informazione in più su uno dei libri più letti

bacha posh

Il libro Le bambine non esistono va considerato anche nella sua valenza antropologica.
Ci permette – difatti – di conoscere la realtà delle bacha posh.
Chi o cosa sono? Il termine Dari viene utilizzato per descrivere le bambine afghane costrette a vestirsi e comportarsi come ragazzi pur di sottrarsi alla discriminazione di genere, discriminazione di cui sono oggetto nel loro Paese.
Il titolo originale del romanzo è Je suis une bacha posh. Tradotto dal francese all’italiano: Sono una bacha posh. La frase descrive in modo semplice e diretto il contenuto del libro. Perlomeno a chi conosce un po’ la cultura mediorientale, come funzionano le cose in Afghanistan.
Per essere più precisi, il libro si concentra sulla storia di Ukmina Manoori, autrice e bacha posh autentica che porta la sua testimonianza nel mondo.

Il “plus” del libro va allo stile narrativo. La storia è raccontata con la voce della stessa Ukmina. Questo grazie alle lunghe interviste fatte con l’interprete e scrittrice francese Stéphanie Lebrun. L’approccio trasforma le vicende in un resoconto storico affascinante, ricco di dettagli e aneddoti davvero interessanti.

Non è finita. Il testo può essere visto come un esempio da seguire. Ukmina è – a tutti gli effetti – una sorta di guerrigliera coraggiosa e potente. Una donna che usa le armi per farsi strada, ma non per spargere sangue. La sua storia apre una finestra sul mondo e fa riflettere. Soprattutto su quanto sia ancora difficile per le donne afghane affermare la propria natura e i propri diritti.

Il titolo scelto per l’edizione italiana del libro sottolinea il destino crudele a loro riservato. Specialmente dopo l’arrivo dei talebani al potere.
Il tema della lotta per la libertà è insomma tremendamente attuale. E per questo anche necessario.

Chi è Ukmina Manoori? E Stéphanie Lebrun?

Ukmina Manoori e Stéphanie Lebrun sono le autrici di Le bambine non esistono. Nello specifico Ukmina è la protagonista delle vicende raccontate nel libro.
Nata al confine con il Pakistan, in una zona ancora legata a tradizioni secolari, ha vissuto sulla propria pelle la prigionia della condizione femminile in Afghanistan. Ecco perché ha scelto di usare la propria voce per denunciare le ingiustizie subite.

Ukmina non sa scrivere. Ma non si è persa d’animo decidendo di riportare la sua storia attraverso lunghe interviste, svolte nell’arco di dieci anni, con Stéphanie Lebrun.
È stata la stessa interprete e giornalista francese a curare la documentazione e la stesura del libro.

Il risultato è un resoconto storico decisamente coinvolgente, che non risparmia di dare informazioni precise sulla società afghana. Il lettore viene introdotto ad argomenti importanti e difficili senza filtri.

Dove comprare il libro Le bambine non esistono?

le bambine non esistono

Puoi comprare il libro Le bambine non esistono sia online che nelle principali librerie. A diversi anni dalla pubblicazione rimane ancora fra i titoli best-seller.

Se decidi di acquistarlo in Rete, Amazon è sicuramente fra le piattaforme consigliate.
Basta considerare i vantaggi offerti. Specialmente se l’acquisto viene effettuato tramite sottoscrizione di abbonamento Amazon Prime.
In questo caso, le spese di spedizione sono gratuite. Perlomeno su tanti articoli venduti compresi i libri più letti. In più, i tempi di consegna sono davvero brevi, super rapidi.

Preferisci fare due passi e andare il libreria? Ottimo, abbiamo un ulteriore suggerimento da darti.
Prima di muoverti da casa contatta telefonicamente il negozio e verifica la disponibilità del libro. Non è scontato che si trovi su scaffale. Specie se si tratta di un piccolo rivenditore.
Oggi come oggi chiamare non costa nulla. In più – come si dice – prendi due piccioni con una fava: eviti di fare un viaggio a vuoto e di rimanere deluso!

Ti piace leggere, informarti prima dello shopping e vorresti dare un’occhiata ad altre recensioni sui libri più venduti in Italia? Ogni tuo desiderio è un ordine. Basta visitare il nostro blog. Condividiamo molto spesso articoli su romanzi, storie vere, saggi e molto altro. In questo modo ti aiutiamo a saperne sempre di più!

0/5 (0 Recensioni)

Lascia un tuo commento personale, ogni tuo suggerimento è ben accetto!

      Leave a reply

      Peekincity Deals
      Logo
      Register New Account
      Condividi con un amico