Giù nella valle: trama e recensione

0
Giù nella valle
8
Molto realistico e intenso
Trama che fa riflettere e colpisce il lettore
Ben scritto
SaveSavedRemoved 0

Curioso di sapere di più sull’ultimo libro del noto scrittore Paolo Cognetti? Qui imparerai a conoscere l’autore e i personaggi che animano il libro Giù nella valle. Ti avvertiamo che è un libro impegnativo e va letto con estrema attenzione. Solo così potrai davvero cogliere la sua vera essenza.

Scrittore del libro Giù nella valle

paolo cognetti montagna

Prima di entrare nel vivo del libro Giù nella valle vogliamo presentarti lo scrittore Paolo Cognetti. È nato il 27 gennaio 1978 e ha frequentato Matematica all’Università degli Studi di Milano. Nel 1999 ha deciso di cambiare strada per finire a diplomarsi presso la Civica Scuola di Cinema della città.
Prima di intraprendere la carriera da scrittore, per 10 anni si è dedicato alla produzione di documentari di temi politico-letterari. Il suo primo libro Fare ordine è stato pubblicato nel 2003 e gli ha permesso di vincere il Premio Subway-Letteratura. Dato il grande successo, l’anno successivo è stato inserito nell’antologia La qualità dell’aria di Nicola Lagioia e Christian Raimo.

Nel corso degli anni ha vinto molti premi come Lo Straniero, nel 2009, con questa motivazione:

Paolo Cognetti, milanese, è tra i giovani scrittori italiani (ha da poco superato i trent’anni) uno dei più attenti a sentire e narrare il disagio delle nuove generazioni e gli anni difficili dell’adolescenza di questi anni, di fronte a un contesto di incerta sostanza e di sicurezza precaria. È anche autore di documentari e inchieste sulla giovane letteratura statunitense, ma sono le sue raccolte di racconti ad aver convinto del suo talento e del suo rigore, e della sua moralità di scrittore vero

Wikipedia

La lista dei riconoscimenti importanti non termina mica qui! Nel 2017 ha vinto il Premio Strega con il romanzo dal titolo Le otto montagne. Nel 2022, nelle più importanti sale cinematografiche italiane è stato possibile vedere l’omonimo film ispirato al libro, dei registi Felix Van Groeningen e Charlotte Vandermeersch. Appena un anno più tardi pubblica il suo ultimo romanzo Giù nella valle, di cui parleremo proprio nei prossimi paragrafi.

Protagonisti del libro Giù nella valle

Giù nella valle ha dei personaggi complessi, che rendono la sua trama particolarmente interessante da leggere. In primis perché viene mostrata la connessione esistente tra l’uomo e natura, quest’ultima da considerare – a tutti gli effetti – come protagonista silenziosa del racconto. Non è poi un caso che i fratelli, gli altri due personaggi principali del libro, vengano fin da subito associati a degli elementi naturali. Il padre ha, infatti, piantato degli alberi in loro onore e in base alle loro caratteristiche fisiche e mentali.

L’albero destinato a Luigi, il fratello maggiore, è un larice duro e allo stesso tempo fragile. All’età di 37 anni non ha mai abbandonato la valle. Con un lavoro da forestale e una figlia in arrivo dalla compagna Betta, dovrebbe considerarsi un uomo felice. Eppure sembra non esserlo. Il fratello minore Alfredo è, invece, un abete forte e dall’animo ombroso. A differenza del più grande scappa dalla terra natale alla scoperta di luoghi estremi, come il Canada e il Circolo Polare Artico.

Nonostante le diverse scelte di vita i due hanno un obiettivo in comune: cercare un po’ di pace per la loro mente tormentata. Così come cerca di fare anche il padre, altro personaggio cruciale del libro Giù nella valle. Al pari dei suoi figli è un’anima inquieta che, vivendo la malattia come umiliazione, sceglierà alla fine la strada del suicidio.

Personaggi femminili e antagonisti

Vicino a questi uomini dall’animo triste compare una forte figura femminile, quella di Elisabetta. Lei è la moglie di Luigi, che ha deciso di abbandonare la città da cui proviene stravolgendo radicalmente i propri assetti. Alla vita frenetica della city e all’impegno politico ha scelto l’amore e la natura.
Nel libro Giù nella valle, però, c’ è anche spazio per un’antagonista: la dipendenza. I tre uomini sono uniti, oltre che dal legame famigliare, dall’attaccamento verso l’alcol. L’ubriachezza è, purtroppo, l’unica via di salvezza per i loro animi inquieti.

Trama del libro Giù nella valle

Lo scrittore Paolo Cognetti con Giù nella valle vuole raccontare una storia reale, dai tratti crudi, talvolta brutali. Un storia semplice e insieme difficile che intreccia tre anime inquiete. Lo stile è sicuramente sorprendente.
Il paragrafo iniziale ha – infatti – spaesato molti lettori mettendo in scena dei personaggi inaspettati… dei cani. Ma d’altronde la Valsesia è anche e soprattutto un luogo della natura. Ci sono piante, alberi e animali. Nelle prime righe del libro compaiono, allora, le avventure di una cucciola, che viene descritta come “una femmina che non aveva ancora visto il suo secondo inverno”.

Nei paragrafi successivi si racconta la decisione di Alfredo di ritornare alla terra natia, dopo anni vissuti in posti impervi. Il racconto dell’alcolismo è reso con estrema crudezza. Senza filtri. Sono tre uomini che bevono fino quasi al collasso, per perdersi e dimenticare.

Con Giù nella valle imparerai – quindi – a conoscere il cuore di questi personaggi. Potrai analizzare il rapporto dei protagonisti con la natura e con la famiglia, da cui cercheranno costantemente di liberarsi. Non vogliamo anticiparti altri dettagli del libro, tantomeno il finale.
L’invito ufficiale è, ovviamente, alla lettura. 

Cosa ne pensano gli utenti del libro Giù nella valle?

scrittore paolo cognetti giù nella valle

Da pochi giorni dall’uscita nelle librerie e nei principali siti di e-commerce, Giù nella valle ha suscitato grande interesse sia tra il pubblico che tra la critica. Grazie alle tante recensioni online possiamo affermare che gli utenti hanno generalmente apprezzato il libro.
Su Amazon, ad esempio, ha ottenuto quasi 4 stelle su 5.
Incuriositi dai numeri, abbiamo cercato di comprendere quali elementi sono entrati nel cuore dei lettori e i motivi per cui qualcuno ha, invece, palesato scontento.

Lettori soddisfatti

Vogliamo premettere che la maggior parte delle review presenti in Rete hanno titoli, che non lasciano spazio ad interpretazioni, come “bellissimo”. Insomma molti lettori hanno addirittura amato Giù nella valle. Fra le recensioni lette, però, ci ha colpito quella di Laura Bianchi del blog Mesalina:

Giù nella valle si intitola questo breve, intenso, ficcante romanzo, che sembra uscito dalla penna di un Carver (di cui, fra l’altro, l’autore è estimatore e divulgatore), oppure – citazione esplicita, nella postfazione – dallo Springsteen di Nebraska, con tutti i nodi, familiari e personali, irrisolti, e insieme con la nettezza di immagini indimenticabili e lapidarie.

Blog Mesalina

Ebbene sì, l’ultimo libro dello scrittore Paolo Cognetti è davvero intenso, capace di scavare in maniera profonda nella mente del lettore. Qualcuno ha pensato di spiegare l’effetto della sua storia paragonandolo ad una lama che attraversa l’anima.
I legami, i sentimenti e la vita di questi due fratelli sono così tremendamente reali da colpire chi legge scatenando riflessioni importanti.
Anche se si tratta di un romanzo breve (un centinaio di pagine) lo scrittore riesce a dire tutto l’essenziale.
Molti utenti hanno ammesso di averlo riletto più volte. Il motivo non è da ricondurre solo alla velocità della lettura ma, soprattutto alla sua complessità. È un libro stratificato, che ha bisogno di essere analizzato a fondo per afferrare tutti i significati più nascosti.

Terminiamo con una citazione di un lettore, che riassume ad hoc l’indubbia qualità dello scrittore: “Come sempre, un grandissimo piacere leggere Cognetti!”

Utenti più critici

Non si può piacere a tutti e lo scrittore Paolo Cognetti lo sa bene!
Nel lungo elenco di ottime recensioni c’è anche qualche nota negativa. Certo… non viene mai messa in discussione la bravura dello scrittore, ma ad alcuni Giù nella valle sembra non soddisfare del tutto.
In particolare, non tutti i lettori hanno apprezzata la spietatezza della storia. Non sono riusciti a entrare in sintonia con i personaggi e a sentirsi realmente coinvolti.

Promosso o bocciato?

A questo punto ci piacerebbe conoscere la tua opinione. Se pensi che il libro Giù nella valle possa fare al caso tuo non esitare un istante in più: leggilo! Ma una volta terminato regalaci qualche minuto del tuo tempo e ricorda di contattarci.
La domanda a cui devi rispondere è la seguente: lo scrittore Paolo Cognetti è promosso oppure bocciato?

0/5 (0 Recensioni)
8 Total Score
Bellissimo

L'ultimo libro di Paolo Cognetti è stato definito da molti lettori "bellissimo". Nelle pagine di Giù nella valle avrai modo di conoscere delle anime disturbate e come cercano la salvezza. Ci riusciranno? O cadranno nelle grinfie della dipendenza? Scopri tutto quello che c'è da sapere su questo particolare libro nella nostra recensione!

PROS
  • Molto realistico e intenso
  • Trama che fa riflettere e colpisce il lettore
  • Ben scritto
CONS
  • Troppo crudo
Add your review

Lascia un tuo commento personale, ogni tuo suggerimento è ben accetto!

      Leave a reply

      Peekincity Deals
      Logo
      Register New Account
      Condividi con un amico